Mantova 2019

Incontri del cinema d’Essay XIX Edizione

Nelle giornate dal 30 settembre al 3 di ottobre, si è tenuta, nella bellissima città di Mantova, la ormai consueta kermesse dedicata agli esercenti delle sale cinematografiche aderenti alla Fice, Federazione Italiana Cinema d’Essai.

L’evento si propone come punto di incontro tra chi fa e distribuisce cinema di qualità, con le sale.

Per l’occasione abbiamo assistito ad un seminario sul “Cinema d’Essai in Europa” dove esercenti di altri paesi hanno portato la loro testimonianza sulla normativa da loro vigente e sulla difficoltà che incontrano le sale in tutta Europa.

La piccola gita fuori porta rimane una delle mie mete preferite che permette un sguardo in anteprima, spesso in lingua originale, ai film che verranno proposti nelle nostre sale.

Tra i film proiettati segnalo per la loro bellezza:

Nevia di Nunzia De Stefano con Virginia Apicella

Nevia

Nella disastrata terra campana, la vita è dura, ma dove tutti accettano compromessi, una ragazza, Nevia, cercherà la felicità attraverso il lavoro, duro ma onesto.

Il film è stato presentato in sala dalla regista e dalla giovane protagonista che, alla sua prima esperienza, affascina per la spontaneità.

Babyteeth di Shannon Murphy

Nella pensilina della stazione Milla, un adolescente malata di cancro, incotra Moses, un tossico più grande di lei. In un mondo folle e distopico lei riscopre incredibilmente attraverso lui, la voglia di vivere.

Un fils di Mehdi M. Barsaoui

Tunisia 2011, un agiata famiglia viene attaccata da un gruppo di terroristi e il figlio di dieci anni viene colpito da un proiettile all’addome. Inizia il calvario, la lotta per la sopravvivenza, in un paese dalle troppe contraddizioni religiose e culturali.

Gloria Mundi di Robert Guédiguian

Ambientato a Marsiglia, segue le vicende della famiglia della neonata Gloria. Il nonno appena appena uscito dal carcere dopo vent’anni di reclusione potrà abbracciare figlia e nipote. Spiccano le contraddizioni di un paese moderno e benestante, dove però molte famiglie sono costrette a sopravvivere sulla soglia della povertà.  

Sperando che se proiettate in sala possano piacere a voi quanto sono piaciuti a me,  un saluto e alla prossima kermesse.

Davide Mirri